E

Elena, un parto splendido

Mi chiamo Elena, sono una giornalista, mamma e moglie con mille impegni quotidiani.
Sagittario, ascendente Sagittario che si traduce in eterna ottimista, sognatrice, amante delle novità e stimoli di cui sono sempre alla ricerca.

Come direbbe una mia cara amica “L’acqua stagnante mi uccide!”

Ho sempre avuto un’idea sulla maternità: entro i trent’anni sarei dovuta diventare mamma. Non che avessi uno spiccato istinto materno, ma era un obiettivo che mi ero prefissata.

 

GRAVIDANZA ENTRO I 30 ANNI

 

Rimasi incinta a 28 anni. La novità mi diede un misto di gioia e paura. Durante la gestazione, aumentai di 20 chili o poco più, smisi di pesarmi nell’ultimo periodo.
Sono sempre stata magra, con un fisico tonico e asciutto. Non sono una fan dell’attività fisica, ma la pratico sin da piccola. Adoro mangiare, sono una buongustaia, ma con moderazione, grazie a questo non sono mai stata a dieta.

 

Solo durante la mia gravidanza sono aumentata di peso. Credetemi non fu facile accettarsi. I primi mesi mi vedevo bella, più piena, mentre superato il quinto mese il gonfiore mi infastidiva. Mi sentivo goffa e soprattutto dovetti rinunciare ai miei vestiti e alle mie scarpe con il tacco. Da un 35 arrivai ad avere un 37 di piede: dalla caviglia in giù mi sembrava di avere dei salsicciotti. Indossavo orribili scarpe, a ripensarci oggi sorrido.

 

UN ABITINO PER LA SERA

 

Ricordo un giorno che cercavo nell’armadio qualcosa da mettere per uscire la sera: fiduciosa provai a indossare un abitino bianco che mi rimase incastrato all’altezza del seno. Piansi disperata! Mio marito chiamò una nostra amica stilista dicendole di prepararmi degli abiti più larghi.

 

Non acquistai un solo capo prémaman se non i classici jeans che diventarono il mio passe-partout.
Tuttavia ho anche un ricordo decisamente dolce di questi mesi di goffaggine, in cui mi presi cura di me e di quell’esserino che mi cresceva dentro.

 

MASSAGGI IN GRAVIDANZA

Camminavo tutti i giorni, facevo lunghi bagni rilassanti con l’olio di lavanda, accendevo una candela profumata e mettevo la musica. Raccontavo all’esserino dentro di me la mia giornata e le aspettative sul futuro. Era il nostro momento.
Inoltre ogni settimana facevo un massaggio dalla mia amica estetista, che mai come in quel periodo mi coccolò con le sue mani. Mi massaggiava anche la pancia, con delicatezza, e quei massaggi si rivelarono preziosi per il mio corpo.

 

Forse grazie a tutte queste cure e attenzioni, il mio bambino nacque due settimane prima ed ebbi un parto splendido. Allattai per undici mesi senza alcuna difficoltà e il mio corpo, con naturalezza, tornò quello di prima, se non meglio. Non un segno, una smagliatura, un cedimento.

Il cambiamento vissuto in gravidanza lo porterò sempre nel cuore: non ho amato né la pancia, né il seno grosso, per non parlare dei piedi gonfi, ma ho vissuto tutto come una fase, un passaggio, che mi ha portato quanto di più bello possa esserci al mondo per me, il mio Elia.

 

Tutte le esperienze vissute nei 9 mesi di dolce attesa hanno dato vita a un libro: I prodromi di un travaglio, edito da Bertoni Editore.

CategoriesSenza categoria